5 cose da sapere su una Notte dei Gong

Articolo proveniente dal sito del nostra collaboratrice Sara (ecco il link originale sul sito: Le meraviglie sonore )

Ecco un post che ha l’intento di chiarire cosa sia una Gong Puja, ovvero un’immersione nel suono dei Gong della durata di 7,5 ore, meglio nota come Notte dei Gong.

Il fatto che si tratti di eventi che frequentemente si trovano in location lontane da casa, scoraggia un po’ l’adesione all’immersione nel suono, MA oggi vi spiegherò le 5 cose da sapere che vi chiariranno perché vale la pena farsi qualche Km per godere di tanta bellezza.

1) VOI DORMITE, NOI SUONIAMO!

La Gong Puja comincia intorno alle 22.00/22.30 e termina verso le 7 del mattino.
In questo lasso di tempo, i Gong vengono suonati dai Gong Masters, che curano i volumi di suono, finalizzati a cullare il vostro sonno notturno.
Quindi, non è un rave party, o un classico Bagno di Gong coi diversi livelli di intensità, ma una vera e propria occasione di farsi una dormita colossale e salutare, con un piacevole sottofondo vibrante e tutto fuorché invasivo.
Per questo vi si chiede di portare tutto l’occorrente per stare comodi: materassino da campeggio, cuscino, coperta, abiti idonei alla notte ed il necessaire per darsi una rinfrescata al risveglio.
Voi dormite, ed anche bene, noi vi culliamo con tutta la dolcezza di cui siamo capaci.

2) CIBO, COLAZIONE e BISOGNI PRIMARI

La Gong Puja si svolge sempre in ambienti dove le necessità primarie sono garantite: palestre, palazzetti, ovvero luoghi dove siano presenti servizi ed accessibilità aperta a tutti.
Quindi, avrete il bagnolavandini, a volte docce e solitamente abbondante carta igienica.
Sono di solito disponibili (inclusi nel contributo d’ingresso o portati in condivisione) snack e drink per gli attacchi di fame notturni: frutta secca, frutta fresca, tisane, succhi, cracker, biscottini …
Al risveglio viene generalmente offerta una colazione da condividere tutti insieme. Vi mandiamo via a pancia piena e soddisfatti.

3) SI GUIDA AD ORARI SOSTENIBILI

Per arrivare alla Gong Puja, di sicuro vi ritroverete a guidare in direzione location ad orari tutt’altro che proibitivi.
Per cui, finito il turno di lavoro, potete mettervi in macchina con il vostro occorrente e guidare in direzione location ad un orario piuttosto pratico.
L’apertura porte dell’evento è solitamente prevista per le 21, quindi potreste anche avere il tempo di concedervi una pizza prima di accedere alla location.
Al risveglio, invece, partireste intorno alle 8.30 del mattino, in piena luce e scongiurando quindi il grosso del traffico… anche perché la Puja si svolge in genere nei fine settimana!

4) SI SVOLGE IN GIORNI COMODI PER (QUASI) TUTTI

Come dicevo precedentemente, la Puja si svolge preferibilmente nei weekend, in genere nella notte tra il venerdì ed il sabato oppure tra il sabato e la domenica.
Questo significa che potreste uscire dal lavoro, arrivare in location, farvi una sana dormita e godervi il fine settimana, senza togliere tempo alle vostre attività preferite, che affronterete anzi con spirito ancora più positivo.
Oppure potreste tornare al lavoro con molta più energia e pace interiore!

5) SENSO DELLA GONG PUJA

Ultimo ma non ultimo è il punto che parla del motivo per cui viene fatta una Notte dei Gong.
E’ una pratica tramandata a partire da Yogi Bhajan, che viene perpetrata nel tempo con l’intenzione di nutrire il corpo olistico di ognuno di noi in modo unico, accarezzando con dolcezza mente, anima e corpo fisico.
La ricarica energetica e il diffuso senso di pace che regala una tale immersione è davvero una perla preziosa.
Essendo svolta a volumi controllati e sempre costanti, è una coccola di rara bellezza.
E la cosa ancora più bella è che vi potete accedere anche venendo da soli.
Avrete molti “compagni di viaggio” con cui probabilmente comincerete a chiacchierare, trainati dal forte sentimento di amore ed accoglienza che contraddistingue eventi di questa portata.

Non resta che provare ad addormentarsi al suono dei magici Gong!
Ci vediamo presto!